Corimbo (Κόρυμβος), dio della frutta e dell'edera. Spesso appare in compagnia di muse. Artemide è la dea Lunare, è dea della caccia e, come suo fratello gemello Apollo, era bravissima a tirare con l'arco. Dee delle porzioni naturali del tempo e della scansione del giorno: Anatole (Ἀνατολή) o Anatolia (Ανατολία), alba; Mousika o Musica (Μουσική), ora del mattino dedicata alla musica o allo studio; Gymnastika (Γυμναστική) o Gymnasia (Γυμνασία), ora del mattino dedicata alla ginnastica e all'esercizio fisico; Nymphe (Νυμφή), ora del mattino dedicata al lavarsi; Elete, prima ora del lavoro pomeridiano, dedicata alla preghiera; Akte (Ἀκτή) o Cypris (Κυπρίς), ora pomeridiana del piacere e della nutrizione (riposo o merenda); Arktos (Ἄρκτος), ora della notte stellata. Titanessa della padronanza dei mari e moglie di, Titanessa della rugiada e dei pascoli, madre delle tre, Titano dell'aria e dell'abilità di cacciare e predare. Ucciso da. Era figlia di Zeus e Latona, ed era sorella gemella di Apollo. I suoi simboli sono la cornucopia, la spiga, il serpente alato, e il loto con il fusto. Fratello gemello di … Il nulla da cui tutto proviene. Più tardi, retrocessa nel pantheon delle divinità egiziane in qualità di consorte di Thoth. Gli animali a lui sacri erano la tartaruga, il gallo e l'avvoltoio. Dio della guerra, dello spargimento di sangue e della violenza. Nell'iconografia più comune gli dei egizi sono spesso raffigurati come umani con teste di animali: ad esempio, Anubi è ritratto spesso nelle statue con il corpo umano, ma con la testa di un canide. Ucciso da, Titanessa dei buoni consigli, degli avvertimenti, della progettualità, dell'astuzia, dell'abilità e della saggezza. Titano dei ripensamenti e padre delle scuse. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 5 dic 2020 alle 11:23. Dea vergine dell'intelligenza, della pace, delle arti manuali, della strategia militare (ovvero l'aspetto più nobile della guerra, contrario ad Ares, il quale si occupava degli aspetti più brutali e malvagi), dei manufatti e della saggezza. Omero lo descrive come inaffidabile, umorale, sanguigno, in contrasto con Atena, che in guerra ha invece strategia e capacità di controllo. Una divinità delle acque è un dio o una dea della mitologia che vengono associati con l'acqua o i vari corpi idrici (come mari e fiumi). Oro - dio della guerra e della pace, diede vita alla società degli, Avus - dio della potenza e della natura rif Asus. Lampsace (Λαμψάκη), principessa semi-storica. Alcuni racconti dicono che ebbe una relazione con Medusa, da cui nacque Pegaso, venuto fuori mentre Perseo le tagliava la testa. La presente lista riassume gli dèi della religione dell'antica Grecia e altre figure divine o semi-divine della mitologia greca. In alcuni racconti lei rinuncia al proprio posto tra gli Olimpi in favore di Dioniso. Mitologia greca: ecco un excursus sulle più importanti divinità e sui miti appartenenti alla cultura religiosa dell'antica Grecia Sua moglie è Persefone. Greco — Mitologia greca: ecco un excursus sulle più importanti divinità e sui miti appartenenti alla cultura religiosa dell'antica Grecia…. 300 a.C.). Dea vergine della caccia, del selvaggio, degli animali, della foresta, e della luna, protettrice delle fanciulle, delle vergini e del parto senza dolore. Benché si ritenga che questo sia una memoria della fase in cui le varie comunità dell'Egitto predinastico svilupparono le loro credenze religiose intorno ad un "animale totem"" protettore appunto della tribù, molte delle raffigurazioni, ed i culti ad esse collegati, appartengono al Periodo Tardo della storia dell'antico Egitto, ossia alla fase che ha il cardine nella XXVI dinastia. Era rappresentato come un giovane atletico senza barba, ma anche come un vecchio barbuto dotato di un fallo enorme. Titano del sole e guardiano dei giuramenti. Molte divinità lusitane finirono infatti con l'essere adottate dai Romani. È la moglie di. Come divinità ctonia, comunque, il suo posto sull'Olimpo è ambiguo. Cleodora (Κλεoδώρα), nota per i suoi doni; Cirtoniane (Νύμφαι Κυρτωνίαι), ninfe locali della città di Cyrtones (Κυρτώνη), in, Deliadi (Νύμφαι Δηλίαδες), figlie di Inopus (Ἴνωπός), dio del fiume omonimo sull'isola di, Gargafie (Γαργαφίη) o Plataia (Πλαταῖα), una delle figlie del fiume, Inachidi (Νύμφαι Ἰνάχιδες), figlie del fiume. La sua corrispondente nella mitologia romana è Venere. I suoi simboli sono lo scettro, la folgore (la sua arma, secondo i miti capace di lanciare fulmini a piacimento della divinità) e il lampo. È figlia di Crono e Rea e sorella di Zeus, dal quale ebbe Persefone. Se ti senti confuso davanti alla moltitudine di divinità del pantheon greco, è possibile esplorare diversi gruppi o tipi di dei. Religione e divinità nell'antica Grecia. Anche nella mitologia romana era chiamato Apollo. Essendo perfezionista poteva essere crudele e distruttivo, e i suoi amori sono raramente felici. Titanessa della legge divina e dell'ordine. L'origine viene dall'antica Chios, che era la sua casa. Itachesi (Νύμφαι Ἰθακίαι), naiadi nelle caverne sacre di. Benché sposata con Efesto, aveva diversi amanti, tra i quali i più noti sono Ares, Adone, e Anchise. Le loro immagini erano presenti su sarcofagi, affreschi, mosaici, monete, alabastron, anfore o altre ceramiche, dove venivano rappresentate scene mitologiche, oltre ad apparire nella letteratura e in altre arti. È quindi possibile supporre che da questi ultimi i Fenici abbiano appreso determinate tradizioni nonché culti, così come avevano fatto pure con il popolo egizio, rappresentandoli in oggetti poi diffusi lungo il Mediterraneo. Un altro racconto dice invece che lo adottò e lo nutrì. Nesii (Σάτυροι Νέσιοι), tribù di satiri naviganti da una costa africana detta Satyrides; Titiri (Τίτυροι), satiri che suonavano il flauto alla corte di. Il suo corrispondente romano è Nettuno. Gli animali a lui sacri sono l'avvoltoio, il cane, il serpente velenoso, e il cinghiale. Figlio di Zeus e Maia, era il messaggero degli dèi e uno psicopompo che accompagnava le anime dei trapassati nell'aldilà. Ben prima della nascita di Zeus, c'erano delle entità primordiali che, a differenza delle divinità greche antropomorfe (ossia che hanno forma umana) cui siamo abituati, non hanno un aspetto ben definito, pur essendo dotati di corporeità. Baal dio della tempesta, del controllo della fertilità e della fecondità, è una delle principali divinità della mitologia fenicia. Gli animali a lei sacri erano la vacca, il pavone e il cuculo. Essendo perfezionista poteva essere crudele e distruttivo, e i suoi amori sono raramente felici. I Misteri Eleusini Dio della parte più profonda e oscura del mondo sotterraneo. Se nella mitologia greca Efesto usava il fuoco come forza creativa, presso i romani era un dio più terribile, con poteri distruttivi e associato ai vulcani, come anche il suo nome romano Vulcano attesta. ISBN: 9788854035782 Categorie: Fiabe Illustrate, White Star Kids. Il seguente è un riassunto delle divinità maggiori i cui culti erano largamente diffusi. Il corrispondente romano Mercurio era più strettamente collegato con il commercio. Con divinità : Una divinità come Calipso; Una divinità dei Faraoni; Antica divinità cananea; Divinità al seguito di Bacco; La statua d'una divinità. Nella mitologia greca classica Notte o Nyx (che dir si voglia) non era una divinità ctonia, ma una dea primigenia, figlia di Caos o di Phanes (a seconda del mito preso in esame). Apollo: stesso nome rappresenta la divinità Greca e Romana, Dio della medicina, della musica, della poesia, dell’arte, della divinazione, e poi diventerà anche Dio del sole. Dea dell'amore, della bellezza, del desiderio, della fertilità e del piacere carnale. Atlanteia e Febe, due delle molte mogli e concubine di, Epimelidi (Ἐπιμελίδες) o Meliadi (Μηλίαδες), protettrici del. Melete (Μελέτη), musa della meditazione e dell'esercizio mentale; Ipate (Ὑπάτη), musa della corda superiore della lira; Mese (Μέση), musa della corda mediana della lira; Nete (Νήτη), musa della corda inferiore della lira. Era uno dei tre figli di Crono e Rea, che regnava su uno dei tre mondi, quello degli inferi. Dea dell'amore, della bellezza, del desiderio, della fertilità e del piacere carnale. Il suo corrispondente romano è Marte, che però era visto come progenitore della gente di Roma, e rappresentato in genere più adulto. I suoi simboli o attributi sono lo scettro, il trono, un vaso (un kantharos o una patera), l'elmo ricevuto in dono dai ciclopi capace di renderlo invisibile, una pelliccia di lupo e il cane a tre teste Cerbero. Gli animali a lui sacri erano appunto l'asino, ma anche il cane da guardia e la gru. Comanda su uno dei tre regni, come re dei mari e delle acque. Gli animali a lei sacri, oltre al cervo, comprendono orsi, cinghiali e altri animali di bosco. Titanessa dell'acqua fresca, madre di fiumi, sorgenti, ruscelli, torrenti, fontane e nuvole. Enialio (Ἐνυάλιος), dio minore della guerra. Un altro suo nome era Bacco, con il quale verrà ripreso tra i romani. Gli animali a lui sacri includono il capriolo, i cigni, le cicale, i falchi, i corvi, le volpi, i topi e i serpenti. Gli animali a lui sacri sono l'aquila e il toro. È rappresentato con attributi regali, una figura robusta, con barba scura. Dio della musica, delle arti, della conoscenza, della cura, della profezia, della bellezza maschile, del tiro con l'arco e del sole. Come fratello e sorella vennero identificati con il sole e la luna ed entrambi usavano archi e frecce. Carmanore (Καρμάνωρ), dio cretese della mietitura; Eunosto (Εὔνοστος), dea del mulino e della farina; Filomelo (Φιλόμελος), semi-dio mitico inventore del carro e dell'aratro; Acratopote (Ἀκρατοπότης), dio del vino non mescolato. Dio del mare, dei fiumi, dei laghi, delle alluvioni, dei maremoti e dei terremoti. Divinità sarde relative all'età nuragica, e, talune, comuni anche ai fenici. I suoi simboli sono il tridente, il cavallo (Poseidone e Atena si contesero l'Attica: Poseidone creò il cavallo dalla spuma del mare, Atena l'ulivo dalla terra; dopo una lunga riflessione, gli ateniesi proclamarono vincitrice Atena), il delfino, i pesci e il toro. La corrispondente dea romana è Minerva. È sorella e moglie di. Palestra (Παλαίστρα), dea della lotta libera. Dodekatheon. La parola più votata ha 5 lettere e inizia con E La corrispondente divinità romana è Cerere. Elio sulla sua quadriga (III secolo a.C.). Nelle rappresentazioni classiche è visto come uomo maturo, di corporatura robusta, con una barba vistosa, e regge un tridente.