Cupeinn Nuca Scüzzàs giò Accovacciarsi Beppe Sala a Milano Città Stato, Sui marciapiedi di Milano si possono trovare i pinguini di PAO e i loro cloni (FOTOGALLERY), Coesione 3.0: dopo NoLo, un nuovo progetto per via Padova, Il tribunale dei PAESI BASCHI: “Nessuna evidenza che favoriscano i contagi: BAR e RISTORANTI possono RIAPRIRE”, Il BAR più ECONOMICO d’ITALIA: un caffè a 20 CENTESIMI. Questa mescolanza di culture diverse ha arricchito il vocabolario e vivacizzato la cultura milanese. Diaulòtt Bonaccione, poveraccio Girebachéinn Trapano a mano. Cadréga Sedia Remòll Quando la neve comincia e sciogliersi, a sgelare (Ul remoll) Büsécch Budelli, intestini Cü Culo (Va dà via ul cü = vai a farti fottere) Pureséin Pulcino (Bagnà cumè un puresein = bagnato come un pulcino) Purtà pajöla Visitare e portare un dono ad una donna che ha partorito Püstèma Pustola, ulcerazione. (El mè nà su l’üdria = mi è andato il boccone di traverso) Quindesàda Stipendio, R Balùrt Sordo, sordastro. In origine significava trottola, da cui anche il verbo pirlare, cioè gironzolare senza scopo, e poi è passato a indicare l’organo sessuale maschile. Tramvay Tram Ciùss Chiuso, serrato, senza spazio Parigià Preparare (Parigià la taula = preparare la tavola) Maraveii Meraviglie Didén Dito mignolo Spùnc Pungere Turta Torta (Turta de besàscc = torta di pasticci) Nà föra Uscire. Fiaà Fiato, respiro (Un fiaa d’acqua = un sorso d’acqua) (Teumm minga ul fiaa = non stressarmi) Marusée Intermediario, mediatore Patafiàda Discorso lungo e noioso Spàss (A spass) A passeggio (Nà a spass = andare a passeggio) Lènden Uova di pidocchio Cazzöla Piatto tipico brianzolo. Möja Molla per prendere i tizzoni ardenti Vattelatoeù Menefreghista Löch Campo Tö in gir Prendere in giro Anche sinonimo di: crisi, stasi Grizzén Pochino Anche: mulino Fastidi Preoccupazione (Sunt pié de fastidi) Anche: malore (Me végn fastidi = mi sento male) Liscà Impagliare le sedie Ai Aglio (Fèsa, fesèin o ficèinn d’ai = spicchio d’aglio) (Coo o cuzzeìnn d’ai = bulbo d’aglio) Amìs Amico (Prèm amìs = l’amico più caro) Stagéll Bastone, randello Stagià Mettere un tutore a fagioli, pomodori, etc. Temp Tempo (In temp che me durmivi... = mentre io dormivo...) Desbüsciunà Stappare una bottiglia Ürcc Uscio Se volete fare una ricerca efficace può aiutare provare a cercare una parola o meglio parte di essa, dato che l’ortografia dei termini varia in base al luogo in cui la parola è usata. Runchétt Collinetta Dùbia Coperta del letto Erpes Erpice (L’è un erpes = è un peso, è poco attivo) Sot sea Sottobraccio, sotto l’ascella Liseur Golfino da notte | Marmutà Borbottare, lamentarsi Fesceù Persona infida e scorretta Sott a cü biott Avanti con impegno ... Sòci Compagno, amico Cùa Coda (Gnà i càn menen la cùa per nient = nessuno lavora per niente) Cumpagn Uguale, come (Cumpagn de lù = come lui) Mazzà Uccidere Fencisciòmm Sporcaccione Giüét Giogo Saccranòmm (Imprecazione) (Te se un saccranomm = sei un testone) Anche: rumore di passi Strunz Escremento di gallina o di uccelli in genere Chechinscè Qui Rampegà Arrampicare Toni Tuta da lavoro Bercél Faccia (dispregiativo) Giuntà Unire diversi pezzi Ginöcc Ginocchio Scoss Davanzale (Scoss de la finestra = davanzale della finestra) Sentè Sentiero Furcelìna Forchetta Segütà Continuare, insistere Tarloeùcch Testone, citrullo EMBED. Desbatezzàs Scandalizzarsi, meravigliarsi Butàscc Pancia, pancione Culdiröla Nella stufa a legna è il contenitore che mantiene l’acqua calda Caregnòmm Piangione Belèt Cipria, prodotto di bellezza Cruà Cadere (El cròa i nus = cadono le noci) Stà völta Questa volta Fregüi Briciole, rimasugli Pelaa Senza capelli Mezzéna Quarto di lardo Mùchela Smettila Giüscc Liquame organico usato per concimare Spiòrla Ciotolo piatto usato in diversi giochi dei bambini Ciòca Ubriacatura (Ciapà la ciòca = ubriacarsi) Vunciscià Unto, ungere - Milano : Cassa di risparmio delle provincie lombarde, 1983. Dundignala Tirarla per le lunghe, ciondolare in giro Sculdà la pìssa Prendersela, scaldarsi, appassionarsi Derént Vicino Mèi Miglio (Pan de mei = pane di miglio) Breleìn Angolo di legno per inginocchiarsi alla fontana per lavare i panni Vegnì in ment Ricordarsi Zifùla Stupido (Te se un zifùla) Bareìn Pecora Pitànza Companatico Sciapàda Ceppaia, gruppo di arbusti Anche: attrezzo da muratore Scöt Riscuotere (Scöt l’apetit = togliersi una soddisfazione) Rùgna Sfortuna, scocciatura. Sgumbetà Dare gomitate Sgiandà Spaccare un alberello o un ramo Anche: pidocchio (?) Nagòtt Niente Indreiz (All’indreiz) Rivolta a sud (Casa) Vassél Tino per il vino Pià Morsicare (El pìa = è piccante, è acido) Balòmm Pallone da calcio D Anche: poco di buono Purèn Verruca dis’ciulàss) che vuol dire “sbrigarsi, svegliarsi”. Ciavà Fottere (Ciavàda = fregatura) (Ciavà soeu = chiudere a chiave) Piàza Piazza (L’è in piàza = è calvo) Trunghéll Caduta, ruzzolone senza conseguenze Piciu Pene (Te se un piciu = sei uno sciocco) Büscià Frizzare (E büscett? Brevàcc Chi continua ad urlare a sproposito Gràpa Grappolo d’uva. Sculciunèra Tipo di verdura Brancàda Manciata Materassè Artigiano che cardando la lana rinnova i materassi Sciampà Prendere, arraffare Anche: noccioline americane. Dumè Soltanto Sanguéta Sanguisuga 1) Ciapa non deriva dal celtico, ma, eventualmente, dal latino capulare o captare, da cui seguono anche il verbo italiano chiappare, poi acchiappare, e le forme dialettali “ciapar” o “ciapare”. Mènt Mente, memoria (Tegnì a mènt = ricordare) Castègn Castagne Stracòrr Infiltrare (Ghè stracurù dent l’acquae in di öcc = gli si sono riempiti gli occhi di lacrime) Trà n’lari Buttare all’aria, quando due fidanzati si separano: "han tra n’lari" Uradéll Orlo (Del vestito) Tüscòus Ogni cosa, tutto, U Maravea Meraviglia Trà la tuma Cavallo o asino quando si rotolano per terra Purcòm Sporcaccione Ci sono più vocali in milanese che in italiano. Stimàss Pavoneggiarsi Vergéla Ramo sottile e flessibile ad uso di frustino = va all’inferno!) Baüsciòmm Superlativo di: bàüscia E’ appunto alla sua opera di traduzione che è dedicato il primo intervento, quello di Edoardo Zuccato, docente di lingua e letteratura inglese allo IULM, poeta a sua volta “in dialetto alto-milanese” e traduttore di Villon e Virgilio, caporedattore, come ricorda lo stesso Marelli, della importante rivista Testo a fronte. Sapete il significato? Gipà Cucire a macchina Petineuse Parte superiore della "scisciè" Risciulada Strada acciottolata Siclari, Reggio Cal. Stemèign Avaro Anciùa Acciuga Cudèe Tonto, ingenuo Grigul Briciole Lasà Lasciare Cantà Cantare (Cantà ul demi demi = andare in giro ad attaccar briga) Il dialetto milanese, così come gli altri dialetti italiani, in passato era largamente utilizzato in ogni ambito della vita sociale, da una indagine effettuata nel 1951, circa l’80% degli Italiani lo usava abitualmente. Sott a coo bass Avanti con impegno, nel lavoro Suravànn Superficiale, menefreghista Schivi Schifo Desmèt Smetti Baltrescàn Persona poco affidabile e ingenua, un po’ girovago Neìn (Ul neìn) Culla, nido nel fieno dove la gallina cova Rùer Rovi Treüch Zolla d’erba Lacétt Lattice delle piante. Mantegné Mantenere (El mantegni gnà a paja = è esoso, dispendioso, non lo mantengo neanche a paglia) Mucaröla Maggiolino Gnara Niente, nessun punto (Quando si gioca) Pruscieùm Malattia dei lattanti (Crosta lattea) Fregà Imbrogliare (Fregà soeù = pulire il pavimento) (Fregà giò = rabbonire, convincere) Ganesàa Dente molare Tenciù Tintore Viene usato per mandare a quel paese. Sgulà Volare Patüsciada Lavoro fatto male, pasticcio Adrè Seguire (Dì adrè = giorno dopo) (Dac adrè = continuare, insistere) (Tacà adré = incolpare) De la identidad regional a la identidad urbana. Cascebuina Abbaiare di cani (Persone che disacutono animatamente) Sücc Asciutto. Béra Pecora Dàch adrée Continuare, insistere Bumbòm Dolci Suprésa Ferro da stiro (El ghè fà adrè la gughèta à toeùcc = spettegola di ogni persona) Furmént Grano, frumento (Batt ul furmént = trebbiare il grano) 'A capa fa r’acqua, con questa frase che letteralmente si traduce in “ la testa fa acqua", s'intende dire “non voglio essere disturbato” oppure “non mi va”, "lasciami stare", "lasciami in pace" e così via dicendo, a testimonianza che non c'è quasi mai una corrispondenza univoca tra la lingua italiana e il dialetto. Rusumada Uovo sbattuto con zucchero e vino Laciòtt Ingenuo Sbrisigà Scivolare Anche: il nerofumo che sporca i paioli Arbeii Fagiolini Lingua nazionale e lessicografia milanese. Nà a burdèll Andare in malora Brüsécc Bruciore di stomaco Pügnàta Pentola Insurnà Seminare | N Spazèta Spazzola Caneii Vene della gola (Caneii del fiaa = trachea e vene della gola) Finale di frase come dire: è così Füsèla (Nà in füsèla) Verdura vecchia che va in semenza (L’è nà in füsèla = è tonto, non ragiona più), G Sberlüsé Brillare (El sberlusèss = brilla) Stà nocc Questa notte Baslòtt Grossa scodella per il granoturco Trumbè Idraulico Cazü Mestolo (Te see un pastrügn = sei un pasticcione) Imbesüì Rincoglionito Spàna (Unità di misura) Una mano aperta (Nà dent à spànn = agire senza programma, agire a caso) Sparlasciòmm Uno che parla a vanvera e dice sconcezze Réla Gioco del lanciare un legno (lippa) colpendolo con un altro. Fencìscc Sporco Balebiòtt Buffone, uno che fa il matto (Balla nudo) Urinari Vaso da notte Bramà Il covare del fuoco sotto la cenere Sleùscc Scivolone = fai silenzio!) Il problema è di stabilire se sia giusta l'etimologia comunemente accettata - quella che lo stesso signor Trevisan sinteticamente ripropone. Un’era Molto, tantissimo (N’an fà un’era = ne han fatto di tutti i colori) Il milanese presenta delle caratteristiche curiose. Pianèli Piastrelle del pavimento in terracotta Impaltà Infangato Piòta Grossa pietra Lüganeghéin Salamino Strefüsàri Persona che non cura le sue cose, sempre in giro Ratt Topo (Ratt de curmeigna = topo di fogna) © 2021. Butà dènt Stimare grossomodo, quantificare più o meno, andare a caso. Aidèa (Anche: dumaidèa) Forse, può darsi Scrizzà Scricchiolare (El vardae teut i scrizzèit = sta attento ai minimi dettagli) Lesìva Lisciva, polvere per il bucato Puciorla Poltiglia di neve sfatta, quasi acqua Pulcino appena nato: le prime 48 ore di vita. Cavebüsciòmm Cavatappi Cercarìa Salamandra (Se la cercarìa la ghè vedess tanta gent in menu la ghè sarèss) Il dialetto milanese non conosce un modo per dire “ti amo”. Probabilmente ha una radice comune con il latino. Pizzòmm Presa, poccola porzione (Pizzòmm de sa = presa di sale) Scalòzz Asperità di una strada dissestata Bunbètt Petardi | : bilö) pulire il fondo del piatto o delle pentole = rüspá pulito –netto –pulire = nétu – netá pulire di fino i metalli = sgüá pungere – pungente - di cibo = spóngi – spungignentu - (da ortiche) bisiá - bisiéntu punta = pónta puntare (di salame che comincia a puzzare) puntá = punto Mignà Miagolare Anche: grattuggiare Caròcia Carrozza Neef Neve Tupòm Talpa Anche: persona magra, pallida e malaticcia È detto anche meneghino'' (meneghin, meneghìn''), dal nome della maschera milanese Meneghino (o Menegìn).Il milanese è la varietà più importante per tradizione e letteratura del gruppo dialettale occidentale della lingua lombarda. Rèsiga Sega a mano Falanana Dormi, dormire (Ai bambini) Incheù Oggi Il primo dizionario della Calabria scritto in dialetto è stato il Vocabolario "Mammolese-Italiano" (Tip. Quando il tema termina con un gruppo consonantico di difficile pronuncia senza l'appoggio di una vocale, si può assistere all'aggiunta di una -i finale, o più spesso di uno schwa tra le consonanti, che nel caso del dialetto milanese si trasforma in e (ad esempio: in milanese sing. Anche: fungo porcino ((Supplemento al n. 5 Gen.-Marz. Biceràda Bevuta augurale, brindisi Majòch Mangione, ingordo Intrech Persona maldestra, poco sveglia Allora amici, andiamo ai Magazzini Generali ? Penàgia Attrezzo a stantuffo per fare il burro Firunàtt Il venditore ambulante dei "firòmm" di castagne Rüàtt Zozzone, sporcaccione Smüsatòm Sganassone Bersò Pergolato Pisaròtt Fontana con acqua che sgorga Spulòtt Foglie secche del granoturco Turnichée Tornante (di una strada) Gibòll Ammaccatura di cosa, ematoma di persona Scisciè Mobile con specchio per la toeletta delle signore Majà föra Consumare, rovinare (Majà fö i danée = sperperare i quattrini) Fà sö Fare, circuire, avvolgere (Fa sö ul lecc = rifare il letto) (El ma fa sö = mi ha fregato) Calada Attrezzo al traino per togliere la neve dalle strade Papìna Ceffone Anche: infiorescenza finale del mais, usato come alimento per le mucche Pecenìna Pettine con i denti molto fitti Anche: buetèn del tabàcch Prepunta Trapunta Pola Tacchino (L’è mej un puresin in tera che una pola n’lari = meglio il certo che l’incerto) andare e venire. Üsuàri Usuraio, tirchio Ranf Crampo Pirla, stupido. Canton Ticino pulcino: purasì. Bareteìn Berretto Tùder Che non capisce, duro di cervice. Gùta Goccia (Gutà = gocciolare) Gùmbett Gomito Anche: grappa Alcàn Sul lastrico, senza un soldo Spuléta Rocchetto di filo per cucire Tuma Caduta rovinosa «Eh, che maniere! Pell de capòmm Pelle d’oca Regùnt Raccogliere, accumulare (Và a regunt i bagaj = vai a chiamare i bambini) Sberlöc (In sberlöc) Guardare con gli occhi strabici Gibilà Bighellonare (Gibilà in gir) Squelléra Smagliatura nelle calze di nylon femminili Liscòm Lazzarone Anche: galletto Burlòmm Grande quantità (Vegnì giò a burlòmm = arrivare a rotta di collo) Scées Siepe Sfalzà Disporre in maniera incoerente o alternata (Sfalzà un dè = saltare un giorno) Volunteering. Anche: piccolo, uomo debole, bambino Chi fa pasticci. Andànn File di fieno raccolto prima di ammucchiarlo Cudà Affilare le falci (Ha anche un significato sessuale) Tegnì a man Risparmiare Càgul Escrementi (di roditori, capre...) Il dialetto milanese Il milanese in pillole Poesia dialettale milanese Confronto con l'italiano Ortografia Si sono sviluppate varie differenti convenzioni ortografiche. Drèizz Diritto (Drizzà = radrizzare) (A sò drèizz = ben sistemato, in salute) Piüma Piume di volatili per mbottire cuscini e trapunte. Salesèta Fuoco d’ artificio (L’è una salesèta = è uno sveglio, veloce) Crape büsa Testa vuota Panadùra Mobile da soggiorno dove si metteva il pane Sföj (Fa ùl sföj) Perquisire Mendà Rammendare Muléta Arrotino (Te se cunscià mè un muléta = sei vestito male, sporco) Cascebàll Uno che parla a vanvera Pilàtt Sporco, trasandato Cropa Crosta, sporco duro da togliere Tàra Tolleranza (?) Bleorțu, Cristina (2018). Rampinétt Piccola roncola da tasca Rebucà Finire a malta liscia una costruzione Slandròmm Poltrone, nullafacente Pisegà Affrettarsi Tuleìnn Pentolino per andare a prendere il latte (Di solito da un litro) Scila Cera Mal in gamba Debole, male in arnese Lasà pert Non dare peso, sorvolare Tapüscià Rovistare, mettere in disordine per cercare qualcosa. Rèiscc Ricci delle castagne Da giò Atterrare, tramontare (Ul zù l’è giemò da giò = il sole è già tramontato) Il dialetto mantovano, a differenza della lingua italiana, utilizza il pronome clitico soggetto affiancato al pronome personale soggetto. Desfésces Vattene, sparisci Baleteù Uno che parla a vanvera Carrigiàn Orme lasciate dal carretto sul terreno molle Fugnà Imbrogliare nascostamente Martelìna Bosso (Pianta) Sòfich Afoso, soffocante Gnach e petàch (Tra gnac e petàch = nè da una parte nè dall’altra) Anche: stupido Rutamàtt Colui che raccoglie rottami e ferrivecchi Ciapp Natiche Omm Uomo (L’è ul mè omm = è mio marito) Nà a pari Pareggiare Tacà adrè Dare la colpa Tirà in ment Ricordare, riportare alla mente Razz Tipi (De teut i razz = di tutti i colori, di tutti i tipi) Mica Pagnotta, panino Dessià Svegliare, svegliato Sciusciàtul Baccelli di carruba, venduti nelle fiere Sburé Franare (Sburé giò a piàncc = scoppiare in lacrime) Una frase indimenticabile quella che accompagnava negli spot di Carosello un piccolo pulcino, tutto nero, che come cappello indossava un guscio d’uovo rotto. Persona dotata di intelligenza prossima allo zero. Infrasnà Coinvolto, impegolato. Ciulà Fottere, fregare, bidonare Scartòzz Cartoccio, involto * Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni Bambanàt Frottole, discorsi senza importanza Squajà Rivelare (Squajà giò i altareitt = rivelare i segreti) Breìk Rupe, mintagna, roccia Anche: tripode Sagòll Sazio, satollo G Udeséll Utensile, strumento Coo Testa (Mett giò ul coo = mettere la testa a partito) La terza persona singolare e la terza plurale, infatti, sono spesso omografe/omofone e il pronome clitico permette di distinguerle. Nel 1974 un’indagine della DOXA evidenziava che ancora circa metà degli Italiani parlava correntemente il dialetto … Tajela seù Smettila Tambérla Che parla in continuazione (L’è una tamberla = ha la lingua tagliente) Anche: sempliciotto Sbilzà Sprizzare Cerfuià Parlare confusamente, straparlare (Te see un cerfòi = stai straparlando) Murnée Mugnaio Scanà Scannare (Sunt scanà = sono oberato dagli impegni) Sgalfiòmm Un tipo di ciliegia grossa e dolce Pagn Vestiti, panni Magiùstri Fragole Impariàa Ordinato, messo in ordine Ci sono più vocali in milanese che in italiano. Scrocch Furbo, scalro la gajna lu poju lu pucinellu ( la gallina, il pollo, il pulcino.. sempre dialetto fermano) la acca, lu porcu ( la mucca, il maiale) i gatti sono esseri misteriosi, nelle loro menti c'è molto più di quanto si possa immaginare. Rava Rapa (El veur savè la rava e la fava = uno che vuol sapere e parlare di tutto) Brügìda Gridata (Da feu una brügida = urlare con qualcuno) Leterno lavoro. Fregòm Straccio per pulire Scüsà Fare a meno (E scüsi senza gelatu = faccio a meno del gelato) Una contrapposizione voluta fra dialetto milanese e quello brianzolo è stata riscontrata da Gianfranco Ravasi nelle desinenze dialettali con cui si esprimono i due protagonisti (padrone e servo) della lirica 'Trattenimento dell'autore in villa" scritta nel 1690 da Carlo Maria … Scheìscc (Stà scheìscc) Stare in disparte, defilato, in attesa Spizié Farmacista. Scireù Cespo di verza o di insalata Tulòm Grosso barattolo (Menà ul tulòm = andare in giro sparlando a vanvera) (lat. Anche: avaro, taccagno Sotto gli occhi, a sguardi frequenti. Una frase indimenticabile quella che accompagnava negli spot di Carosello un piccolo pulcino, tutto nero, che come cappello indossava un guscio d’uovo rotto. Pucéinn Pietanza cotta in umido (Cunt la pucia) Intrai Interiora, intestini (del pollo) Stée Staio (?) Purtà pajöla Visitare e portare un dono ad una donna che ha partorito Bèula Betulla (E’anche un fungo) Unéisc Tipo di albero, forse l’ontano (Crapa de unéisc = testardo, testa dura) Deslenguà Sciolto, sciogliere (La nef l’è deslenguàda = la neve si è sciolta) Nà a tùrnu Camminare Nel nostro caso, il dialetto fiorentino ha avuto più fortuna degli altri dialetti ed è diventato la base della lingua nazionale. Taramòtt Brontolone Cagiada Latte cagliato (Da mangiare con la polenta: pulentea e cagiada) Tegnòm Avaro, pitocco E’rciau E via, e così, ecco (intercalare del discorso) Forse: e ciao Crüschènn Della stessa età, coscritto Sprefundà Mandare a quel paese (Sprefùndes! Paée Pagliaio, cumulo di fieno Sparleùsc Scapigliato, che è spettinato Desquatà Scoprire, togliere la coperta, togliere il coperchio Scùa Scopa (Scuà seù = pulire con la scopa) Il latino originale è capere (3a coniugazione). Vùnges Vai a quel paese qualche inesattezza sulla grafia corretta, ma ormai tutti scrivono il milanese come si pronuncia, e tralasciando gli accenti. Besiòtt Scarafaggio Raspaeùsc Rimasugli Marénn Ciliegie dal sapore aspro Campuréla (In campuréla) L’appartarsi nel folto di innamorati Cleer Saracinesca Insugnàss Sognare Minzunà Nominare, citare Turcera Luogo dove c’è il torchio Sfregascià Graffiato Ciciareinn Porzione posteriore del pollo, culo del pollo Bislunch Ovale, oblungo Piemonte Balutéra Lotteria, sacco dei numeri nella tombola Striòmm Stregone Ganivèll Giovane esuberante, esibizionista Burdiòmm Filo di ferro Purcèll Maiale Anche: reni Benìs Confetto (L’è cumè dach un benis a un àsen = quando fai un favore e l’altro non apprezza) Luff Lupo. Muléra Pietra arenaria, usata per molare le lame Redriz (A redriz) A modo, persona anziana "in gamba" (A so redriz) : bilö) pulire il fondo del piatto o delle pentole = rüspá pulito –netto –pulire = nétu – netá pulire di fino i metalli = sgüá pungere – pungente - di cibo = spóngi – spungignentu - (da ortiche) bisiá - bisiéntu punta = pónta puntare (di salame che comincia a puzzare) puntá = punto Tapascià Correre, sgambettare Cadregòmm Seggiolone per bambini Edited by: De Marchi, Pietro (2018). Tirà la carèta Sgobbare Strià ul temp Avere premonizioni (L’è adrè a strià ul temp = sta prevedendo inconsciamente come andrà a finire) Saccramundu (Imprecazione) Deslazzà Slegato, slegare Tegnì Tenere, conservare Asabesi Caramelle di liquirizia (Forse dal nome di abitanti di una città etiope?) Stuìsta Vendeva stufe e portava le bombole del gas Bercelòm Piangione Netà Pulire Mazzecò Persona senza tatto, che fa senza curarsi dei danni che provoca Zupetà Zoppicare Pügnateìnn Piccola pentola (per bollire il latte) Ramàda Rete metallica per recinzioni Il pappagallo che saluta, canta e parla in dialetto pubblicato il 16 luglio 2015 alle ore 23:12 Si chiama Dante e in brevissimo tempo è diventato una star su Facebook. Tazzeìn Scodella Svergéla Ramo flessibile atto a fare da frusta Ösia Nausea, odio (Gò in ösia la vita = sono nauseato dalla vita) Maa Dolore, malattia Cirlucà Traballare Bagàt Calzolaio Prueét (A’ prueét) A fare la spesa Pezzé (e fin. Imbrucà Indovinare, centrare , cogliere (En na imbròca mia una = non ne fa una giusta) Remunzà Potare i piccoli rami. In badiröla Imposte della finestra chiuse a metà o socchiuse Lòres Alloro Nàves Sorgente, acqua sorgiva Didà Ditale per cucire Esu Niente, nulla (L’ha mia pruà esu = non ha mangiato nulla), F Desligà Slacciare, slacciato Ligà Legare, legato Messüra Falcetto per mietere il grano Brüschétt Pagliuzza (Tirà ul brüschett = sorteggiare) Fà Sapore. Spusalizzi Matrimonio Caregnà Piangere Tastà la gaina Sentire con le dita direttamente nel culo della gallina se sta per fare l’uovo Patüsciòmm Pasticcione Fireafeùs Libellula Birocia Calesse Palànch Soldi Stecch Stecco, stuzzicadenti Cicà Masticare il tabacco (Cicà in tera = sputare per terra) Scioùcch Ciocco di legno Tempést Grandine Bunza Contenitore, sul carretto, dei liquami destinati a concimare Per la precisione: Brenta Contenitore a spalla per il vino e uva. Muschiröla Gabbietta per mettere i cibi al riparo delle mosche e insetti vari Sit Posto Letteratura italiana Einaudi. Masciadru Venditore ambulante di tessuti e vestiti | Galiciùss Di persona sensibile al solletico Scirès Ciliegie Ingòmet Vomito, conato di vomito Tafanari Didietro, culo Diàul Diavolo Sverzà Divelto, T Gravalòm Calabrone Amò Ancora (L’è scià amò = e questo insiste) | H Come già s'è visto, 1 il dialetto milanese, e già fino dai tempi del Porta, non conosce in realtà che un o, l'aperto. Ad esempio: Verbo "essere" Mi (soggetto) a són Ti at (spesso abbreviato in t) sè Lü al (spesso abbreviato in l) è Runfà Russare Munc Mungere Tafiàda Zaffata Inciòdes Vai a quel paese, và all’inferno Sbrujent Bollente Spargiòtt Persona bene in carne Infesciàss Intrigarsi, impegolarsi (Infèscess mia = non lasciarti coinvolgere) Avéch Avere Grammatica milanese - Nicoli Franco - Bramante Editore, 1983. Pantùla Persona troppo buona, quasi stupida Parigina Il cono di biscotto del gelato Buchéll Bocca della bottiglia Tirà Tirare, lanciare, attrarre (Tira, mola e mesèda = alla fine...) Catà Prendere, cogliere (Fas catà via = farsi prendere in giro) (Te se de catà = sei un bel tipo) Lasàs via Allontanarsi alla chetichella Sciampìn Zampa, zampino (Mett dent ul sciampìn = intromettersi) Lizzòmm Lazzarone Cenpèe Insetto centopiedi (Te see un cenpèe = sei un imbranato) Pujàn Poiana, falco Fugnèin Persona infida Tòch Pezzo (Un tant al tòch = alla meno peggio, come capita, a poco prezzo) Chigneù Cuneo Scarpà Strappare Mugnéin Ruffiano, leccaculo Patanòt Buono e tranquillo (di bambino) Scighéra Nebbia Fencisciaa Sporcato Scigà Foschia Grizz Poco Catàda Grande raccolto, grande guadagno In sò In sè (Vegnì in sò = rinvenire) Ugiö Asola, buco per i bottoni Canzeù Cartucce a salve per pistola giocattolo Quajòtt Quagliotto (Cumè un quajott = tranquillo, quieto) (Catà l’ascia = trovare il modo di...) (L’é feu de l’ascia = è fuori di testa, è speciale) Làpis Matita "ou" = Manzoni e Cherubini, Alessandria, Edizioni dell'Orso 2001 Sgulàrt Persona leggera e sognatrice Sgulgeìnn Bambino sveglio e simpatico Balusétt Furbetto Bugeteìn Bottiglietta, biberon. Mesedòzz Cose non omogenee messe insieme Fà giò Versare Desuravia Sopra, al colmo Il dialetto milanese (nome nativo milanés, AFI) è un dialetto della lingua lombarda (appartenente al ramo occidentale), parlato tradizionalmente a Milano. Pizzà Accendere